Serve del Signore e della Vergine di Matarà

L’istituto «Serve del Signore e della Vergine di Matará» (SSVM) è una comunità religiosa di diritto diocesano, fondata da P. Carlos Miguel Buela il 9 marzo 1988 a San Rafael, in Argentina. Questo Istituto e l'Istituto del Verbo Incarnato (IVE) insieme al Terzo Ordine Secolare formano la famiglia religiosa del Verbo Incarnato.
I due istituti religiosi condividono lo stesso carisma, hanno costituzioni gemelle e sono entrambi formati da un ramo apostolico e da uno contemplativo.
Le religiose professano, come i membri del ramo maschile, i voti di castità, povertà e obbedienza e un quarto voto di schiavitù mariana.

Il nome

Il loro nome nasce da due realtà: la prima parte del nome, «serve», nasce in riferimento alle pie donne che erano ai piedi della croce, come usato da San Luigi Maria Grignon di Montfort nel «Trattato della Vera Devozione». La seconda parte, «del Signore e della Vergine di Matará», si riferisce alla croce che le suore portano al collo: si tratta della riproduzione di una croce del XVI secolo intagliata nel legno da un indigeno della tribù di Matará. Sulla croce di Matarà sono raffigurati i misteri centrali della nostra religione: creazione, incarnazione, redenzione, Eucaristia e la Vergine Maria; in essa, oltre a vedere uno dei più antichi strumenti di evangelizzazione del Nuovo Mondo, le suore mostrano la loro consacrazione totale a Cristo crocifisso e alla Vergine.

Quando P. Buela fondò l'Istituto delle SSVM, aveva come «unico desiderio dare a Cristo spose secondo il suo Cuore»: per questo la vocazione principale delle religiose è essere spose di Cristo e, attraverso la loro consacrazione, spose delle anime.
L'abito

L’abito delle SSVM è formato da:
una tunica grigia;
uno scapolare azzurro;
un velo azzurro per le professe e bianco per le novizie;
la croce di Matará;
un anello nuziale per le professe perpetue.
I colori dell’abito rappresentano il mistero dell’Incarnazione: l’azzurro è la divinità di Cristo e il grigio la sua umanità.

Apostolato

Con la professione religiosa, le suore impegnano tutte le loro forze per inculturare il Vangelo, e da questo deriva l’ampiezza del loro apostolato; annunciano la Parola di Dio in tutte le sue forme: nello studio e nell’insegnamento in università e collegi, nelle pubblicazioni, nelle catechesi e oratori, nella realizzazione di missioni popolari e Esercizi Spirituali, nell’educazione e formazione cristiana di bambini e giovani, nelle opere di carità con i più bisognosi (orfani, handicappati, malati, anziani, …).

Le sorelle di Vita Contemplativa

Le sorelle di Vita Contemplativa vivono una vita di preghiera e di penitenza dando testimonianza con una consacrazione più radicale, offrendosi totalmente a Dio per tutte le anime e specialmente per i nostri missionari.
Vivono in clausura, silenzio, preghiera, penitenza e solitudine.
La loro vita di preghiera quotidiana consiste nella partecipazione alla Santa Messa, in due ore di Adorazione al Santissimo Sacramento, nel canto delle ore dell’Ufficio Divino, nella preghiera dell’Angelus e del Santo Rosario.

Il ramo contemplativo è formato attualmente da 9 monasteri presenti in Argentina, USA, Perù, Olanda, Ucraina, Brasile, Spagna e Italia, ognuno con la missione di pregare per un’intenzione particolare.

Per più informazioni visita la loro pagina ufficiale: www.servedelsignore.org/