Fondatore

P. Carlos Miguel Buela è stato ordinato sacerdote il 7 ottobre 1971. Fin dall’inizio del suo ministero sacerdotale si è impegnato con ardore alla pastorale giovanile, convinto che la Chiesa si occupa dei giovani «non per strategia ma per vocazione». Per loro ha scritto «Giovani nel terzo millennio» (Jovenes hacia el Tercer Milenio). È autore inoltre del “Catecismo de los Jóvenes”, “Modernos ataques contra la familia”, “María de Luján, El Misterio de la mujer que espera”, “Fátima. Y el sol bailó”, “Sacerdotes para Siempre”, “Nuestra Misa” e di molti articoli pubblicati in diverse riviste.

È un instancabile predicatore e energico promotore degli Esercizi Spirituali secondo il metodo di Sant’Ignazio di Loyola.

Ha fondato tre Case di carità per bambini handicappati e orfani, e due scuole medie e superiori.
Oltre ad essere il fondatore dell’«Istituto del Verbo Incarnato» è anche fondatore dell’Istituto «Serve del Signore e della Vergine di Matará», ramo femminile della Famiglia Religiosa del Verbo Incarnato. Entrambi gli Istituti sono composti da un ramo apostolico e da uno contemplativo; il loro carisma è prolungare l’Incarnazione del Verbo in tutte le manifestazioni dell’uomo e possiedono come finalità specifica l’evangelizzazione della cultura. Dopo 30 anni di fondazione, i due istituti contano complessivamente circa 2000 membri e missioni nei cinque continenti.
Maggiori informazioni sul sito www.padrebuela.com.ar.